La scatola che bussa

Questo progetto è il primo di una serie di tre, “Le scatole“. Nasce tutto dalla voglia di rendere fisico ciò che è virtuale.  Quello che ho sempre fatto è stato far interagire persone con elementi costruiti al computer, facendo siti web da molto tempo.  Ora il divertimento e quindi la sfida è costruire delle macchine con si possa interagire e farle reagire.

La scatola cambia funzione, diventa attenta a cosa gli succede e diventa capace di reagire all’ambiente circostante.

IMAG0746#1

La scatola rimane in ascolto e quando si bussa lei ripete riproducendo ritmo e tempo.

Il funzionamento è relativamente semplice,  un sensore “piezo buzzer“, in grado di registrare le vibrazioni,  posto sotto il coperchio della scatola le trasmette ad un piccolo micro processore. Il cure che anima la scatola si chiama ATtiny85 dove sono registrate le informazioni che gli permettono di funzionare, legge i segnali trasmessi dal sensore li converte in impulsi e li trasmette ad un solenoide che battendo sul legno emette un suono. Grazie ad un pulsante capacitivo, in grado si sentire la carica di un corpo quando toccato, si può riprodurre l’ultima sequenza di battiti.

scatola1

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s